Applicazioni dei nanoprodotti
             La tecnologia chiave del futuro

Il range delle applicazioni che il “Nanomondo” offre è estremamente variegato e numeroso.
 

Qui di seguito indichiamo una sintesi pubblicata dal “ Woodrow Wilson International Center of Scholars” (www.wilsoncenter.org) che indica i campi di applicazioni per 212 beni di consumo prodotti con nanotecnologia:

1.   Elettronica e computer
2.   Settore tessile
3.   Articoli sportivi
4.   Cosmetica
5.   Cura del corpo
6.   Protezione solare
7.   Casa e giardino
8.   Settore alimentare
9.   Vetro
10. Vernici
11. Rivestimenti


Per applicazioni elettroniche e tessili, uno strato d’argento può fungere da battericida; applicando lo strato alle parti interne del frigorifero, si può ottenere l’effetto di fungicida, così come se applicato su capi d’abbigliamento sportivo, il cui effetto è l’eliminazione dei cattivi odori causati da batteri.
Inserito invece nei saponi, il nano argento può ridurre la presenza di batteri durante i cicli di lavaggio poiché rilascia ioni che hanno lo scopo di disinfettare il bucato.

Nel campo delle protezioni solari, il biossido di titanio nano ha l’azione di schermare dai raggi UV. Le nano particelle sono trasparenti, pertanto non rilasciano colore all’atto dell’applicazione della crema.
Il biossido di titanio se usato per rivestimenti di facciate, finestre, vetri o mobili, ha anche delle proprietà che, con l’aiuto della luce solare, permettono un processo di riduzione di sostanze nocive nell’aria della stanza su cui è applicato, nonché la capacità di ridurre lo sporco o le macchie di grasso o caffè.

Nel settore alimentare, l’inserimento di nano prodotti negli imballaggi aumenta la resistenza agli urti e agli strappi. Si possono anche ridurre i germi sulla superficie degli alimenti per aumentarne la conservazione. Le nano particelle possono essere inserite anche direttamente negli alimenti, tramite additivi che vengono poi disciolti nei liquidi per permettere all’organismo di assimilare più velocemente aromi e vitamine.

Nel settore delle vernici, l’aggiunta di nanotecnologie permette di porre uno strato più sottile di vernice che darebbe un’efficienza cinque volte maggiore, minor consumo di solventi, nonché il peso di autovetture, treni e aerei potrebbero divenire più leggeri tramite l’utilizzo di nano tubi all’interno delle leghe metalliche che ne compongono la carrozzeria, nelle materie sintetiche, nella gomma degli pneumatici.

Nel campo elettronico, i nano prodotti vengono usati per la creazione di chip di memoria da inserire nei processori, con l’obiettivo di avere poi un risparmio energetico ed una riduzione di calore.

Nel campo medico sono in fase di sperimentazione macchinari che, tramite l’utilizzo di superfici ricche di reagenti, permettano di analizzare in brevissimo tempo diverse sostanze presenti in una goccia di sangue.
Inoltre si stanno sperimentando “nano cristalli” da utilizzare per verificare la presenza di presunte infezioni nel corpo; i “nano cristalli” con i raggi UV creano una reazione e, uniti gli anticorpi umani, permettono di verificare rapidamente l’effettiva presenza di infezione. Sempre in campo medico, i nano tubi potrebbero diventare veicolo di trasporto di principi attivi.